Il Suo amore ti cambia per sempre
Leggi le storie

Vite trasformate

Linda e Salvo

Prima di conoscere chi fosse il vero Dio, avevo fede soltanto in un altro dio: me stessa. Ho fondato tutta mia vita, la mia famiglia e il mio lavoro solo sulle mie forze e sulle mie capacità. Sono cresciuta in una famiglia profondamente cattolica, con dei solidi principi e dei forti valori, piena di amore e di senso di appartenenza alla famiglia.

Mi sono spostata per puro amore e la mia vita era piena di quello che desideravo: tutto ciò che di buono si possa ricevere da questa vita, infatti, io lo avevo al 100%.

Nonostante pensassi di avere tutto, però, non avevo nulla, perché mi mancava la forza motrice, la gioia per eccellenza, l’amore assoluto che desse un’impronta profonda a tutto questo.

Così, piano piano, tutto ciò che avevo iniziò ad andare a rotoli; il lavoro iniziò a mancare, e ciò comportò delle difficoltà economiche, che, non affrontate con la saggezza e la pace di Dio, causarono squilibri in famiglia e la rottura del mio matrimonio.

 Io e mio marito siamo stati separati in casa per circa 4 anni; stavamo sotto lo stesso tetto solamente perché non potevamo permetterci una seconda casa, ma nulla di tutto questo mi faceva sentire debole; anzi, confidavo ancora di più in me stessa.

Tutto ciò ha appesantito il mio organismo, finché non mi fu diagnosticata, nel 2008, la Sclerosi Multipla.

Mia figlia minore, Barbara, era convertita da 4 anni; io andavo con lei nella sua chiesa, ma non reputavo quel mondo alla mia altezza; vedevo le persone felici e le invidiavo, senza comprendere come potessero affidarsi a ciò che non si vede. Barbara iniziò a pregare per me e fece venire in ospedale anche il Pastore, ma anziché apprezzare, provare ad avere fede o semplicemente credere alla loro fede, mi arrabbiai e vidi questi gesti come una mancanza di rispetto per la mia privacy.

Dio, tuttavia, grazie alla fede delle persone che mi amavano, mi guarì e in ospedale i medici non riuscirono a spiegare come ciò potesse essere possibile: avevano davanti ai loro occhi i referti che diagnosticavano la malattia, ma quelli effettuati il mese successivo dimostravano, invece, che ero in perfetta salute.

Mi dissero, quindi, di andare da un psichiatra, poiché, a loro avviso, somatizzavo lo stress. Neanche lì mi resi conto dell’amore di Gesù e, anzi, mi sentii ancora più forte, avendo sconfitto una malattia dalla quale ancora oggi non esiste cura.

Al culmine del tracollo della mia vita, durante un raduno in cui dovetti obbligatoriamente (nel vero senso della parola) andare, mi ritrovai davanti al Pastore, dopo un suo appello, senza comprendere come ci fossi arrivata.

In quel momento sentii il vero amore del Padre e tutte le mie fortezze mentali crollarono; ad un certo punto sentii anche un abbraccio fisico, pieno di amore, e, voltandomi, vidi mio marito. Ci abbracciamo come non facevamo ormai da anni e iniziammo a piangere. La cosa stupenda, però, fu che in questo abbraccio si aggiunsero prima i miei fratelli, che erano a conoscenza della nostra situazione familiare, e dopo l’intera chiesa presente al momento. Fu un abbraccio reale del Padre, che ci giunse tramite la nostra famiglia spirituale, un’emozione che ancora oggi abbiamo ben impressa e chiara nella nostra mente.

Al termine di questo raduno partecipammo ad un altro e lì Dio ci parlò chiaramente, mostrandoci il suo soprannaturale; ci rendemmo conto, allora, che il nostro “non scegliere” nella vita ci aveva portanti, inconsapevolmente, a fare delle scelte sbagliate. Non esiste una via di mezzo: c’è il male e c’è il bene e noi, quella volta e per sempre, scegliemmo la via di Gesù.

Da quel momento la nostra vita è cambiata in maniera radicale: io e mio marito oggi siamo felicemente sposati, perché abbiamo scelto di amarci del vero amore, che riceviamo ogni giorno alla Sua presenza, la nostra situazione economica si è sistemata e, giorno dopo giorno, riceviamo reali e tangibili benedizioni. Abbiamo, inoltre, l’onore di far parte di una famiglia meravigliosa: quella di Missione Paradiso. Il Padre ha restaurato la nostra famiglia e ce ne ha donato una più grande, dandoci come padre spirituale il nostro amato Apostolo Enzo Incontro,  esempio, per noi, di uomo e di figlio di Dio da cui, ogni giorno, attingiamo rivelazioni e amore.

Le nostre storie

Giuseppe e Rosaria

Ci sentivamo in colpa per ciò che abbiamo fatto nella nostra vita, ma Dio non ci ha mai accusato, anzi ci ha da subito fatti sentire amati! 

LEGGI LA STORIA

Silvia Pennisi

Nella mia disperazione ho gridato a Dio, e Lui mi ha totalmente liberato dalla depressione. Ora mi sento viva.

LEGGI LA STORIA

Silvio Cortese

Prima indossavo una maschera ma Dio mi ha dato una nuova identità e ora vivo con la sicurezza che accanto a me c’è Gesù, che mi protegge e mi guida.

LEGGI LA STORIA

Piero Spanò

Ho conosciuto l'amore di Gesù Cristo e ho deciso di seguirLo. Da quel momento la mia vita è cambiata.

LEGGI LA STORIA

Sandra Aiello

Dio mi ha benedetto tornandomi 1000 volte più di ciò che avevo restituito a Lui

LEGGI LA STORIA

Angelo Scuto

Per i medici sarebbe stato già un miracolo se fossi riuscito a superare la notte. Mia mamma disse che, nel nome di Gesù, non sarebbe mai accaduto.

LEGGI LA STORIA

Patrizia Zammataro

Capii che nessun santo, rosario o il purgatorio potevano darmi certezze e identità. Solo grazie a Gesù sono Figlia di Dio!

LEGGI LA STORIA

Giuseppe Giardino

Chiesi a Dio una prova della Sua esistenza e gli promisi che lo avrei seguito se fosse riuscito a farmi uscire dalla malavita.

LEGGI LA STORIA

Samuele e Giada Piacentini

Il dottore si accorse di un polipo molto grande che non mi avrebbe mai permesso di rimanere incinta. Ma contro ogni previsione, sono rimasta incinta di Carlotta. Dio è grande!

LEGGI LA STORIA

Linda e Salvo

Io e mio marito siamo stati separati in casa per circa 4 anni, ma oggi ci amiamo più di prima!

LEGGI LA STORIA

Andrea Caudullo

Prendevo ansiolitici, antidepressivi e cercavo di alleviare il dolore. Dopo aver conosciuto Gesù, non ho più bisogno di nulla!

LEGGI LA STORIA

Enza Amatori

Avevo una bella famiglia e il lavoro non mancava, ma nonostante ciò sentivo sempre di essere smarrita

LEGGI LA STORIA

Ignazio e Sonia

Ero arrabbiato con Dio e la mia amarezza stava distruggendo la nostra famiglia, ma la verità è che Lui è l'unico che risana e libera da ogni afflizione.

LEGGI LA STORIA

Ricardo e Ariadny

Sperimentavamo la fedeltà di Dio, perchè nulla ci mancava: il Signore provvedeva sempre a noi.

LEGGI LA STORIA

Bryan Vasquez

Prima ero cieco, ma oggi ci vedo, perchè appartengo a Gesù e voglio conoscerLo sempre di più! 

LEGGI LA STORIA

Email:info@missioneparadiso.it - Tel: +39 339 758 7177

© 2012 - 2019 Missione Paradiso

Questo sito fa utilizzo di cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.